Italian Amateur Radio Station IZ8JFD
HOME NEWS DISCLAIMER CREDITS LINKS CONTATTI CERCA

IZ8JFD

1 AT 654

SWL I4-2979/BO

Lafayette TEXAS

LAFAYETTE TEXAS

INTRODUZIONE

Nell’Autunno 2010, in attesa di mettere a punto la mia stazione e ricetrasmettere in HF, ho avuto la curiosità di ritornare in banda cittadina e constatare come stanno le cose. L’intenzione era quella di acquistare un apparato al prezzo più basso possibile (in relazione alle sue condizioni generali), anche un apparato guasto, che si potesse riparare con una spesa accettabile. Mi sono imbattuto in una asta online per un Lafayette Texas non funzionante, con una descrizione molto accurata dei suoi difetti di funzionamento che mi ha permesso di individuare immediatamente dove era il guasto e procurarmi i ricambi necessari. Dopo averlo ricevuto, ho riscontrato che il Texas era nello stato descritto nell’asta: la sostituzione delle parti non funzionanti è avvenuta come avevo previsto (senza complicazioni ed in breve tempo) e l’apparato è tornato perfettamente funzionante. Da allora, purtroppo, non ho avuto molte occasioni per poterlo utilizzare, dato che la CB – nel mio QTH e nelle zone circostanti – è deserta. Lo sapevo già da prima, ma rimanere senza radio iniziava a pesare e, senza esserne a conoscenza, avrei dovuto aspettare (ed imparare) un pò prima di potermi far ascoltare in 40, 20 e 10 metri (in quel momento, Agata, la mia Windom, era l’unica antenna HF che avevo). Dopo aver acquistato e rimesso in pristino il Texas, la situazione non è cambiata granchè (la banda cittadina, dalle mie parti, è rimasta silenziosa come era stata fino ad allora), ma ripararlo è stato divertente ed appagante, e lui è pronto a funzionare.

CARATTERISTICHE GENERALI

Foto 01
IZ8JFD.it - 1AT654: LAFAYETTE TEXAS
Foto 01 - Vista d'insieme.
Il Lafayette Texas è un apparato progettato e realizzato per la CB, interamente a stato solido, e basato (sia per la trasmissione che per la ricezione) su un circuito a PLL costruito intorno ad un circuito integrato comune a moltissimi ricetrasmettitori dedicati ai 27 MHz, come l’LC7131 prodotto dalla Sanyo. Tutte le altre caratteristiche (in particolare, i 40 canali disponibili, le modulazioni AM ed FM e la potenza RF d’uscita) ne hanno permesso l’omologazione ministeriale e l’utilizzo in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente. Dal punto di vista dell’operatore, uno delle caratteristiche del Texas che colpisce a primo acchitto è la quantità di controlli presenti sul pannello frontale dell’apparato, dal potenziometro del volume (che include l’interruttore di accensione/spegnimento della radio) a quello di calibrazione del ROSmetro interno al Texas, i quali permettono una notevole flessibilità dello stesso ed un’alta adattabilità alle diverse condizioni operative in cui si possono trovare sia l’apparato che l’operatore. Un’altra caratteristica, che ho potuto notare aprendo la radio per le necessarie riparazioni, è l’isolamento esistente tra la massa del circuito interno della stessa ed il suo contenitore metallico. Questo è utilizzato come una sorta di massa RF, in continuità con il cavo coassiale collegato al connettore d’antenna (e, di conseguenza, in continuità con l’antenna medesima), ed è collegato – in specifici punti - alla massa del circuito interno mediante condensatori ceramici aventi capacità pari a 10nF, attraverso i quali la RF passa senza difficoltà, mentre l’AF incontra una reattanza capacitiva di valore tale da costituire un ostacolo troppo grande. In tal modo, lo chassis del Texas impedisce ad eventuali disturbi di penetrare dentro l’apparato ed alterarne il corretto funzionamento.
Foto 05
IZ8JFD.it - 1AT654: LAFAYETTE TEXAS
Foto 05 - Il connettore microfonico.
L’unico difetto (si fa per dire) di questa radio, a mio modo di vedere, è la posizione del connettore microfonico, localizzato sul fianco sinistro piuttosto che sul pannello frontale, a causa dei numerosi controlli presenti su questo. E’ una puntualizzazione che ha a che fare – esclusivamente - con l’ergonomia del Texas e non con il suo funzionamento. Durante l’uso come stazione mobile, probabilmente, è una caratteristica del tutto trascurabile. Come stazione fissa, impegna un pò più spazio rispetto alle radio che hanno tutti i controlli (incluso il connettore microfonico) sul pannello frontale. Tutto qui.
  • SPECIFICHE TECNICHE GENERALI (dal manuale d’uso dell’apparato)
  • Impedenza di antenna: 50Ω
  • Determinazione della frequenza: mediante PLL
  • Alimentazione: 13.8Vdc con negativo a massa
  • Dimensioni dell’apparato: 185 x 221 x 36 mm
  • Peso: 1.75 Kg

TRASMETTITORE

Foto 03
IZ8JFD.it - 1AT654: LAFAYETTE TEXAS
Foto 03 - Il circuito integrato PLL.
Lo stadio trasmittente del Texas ha origine nell’oscillatore locale, realizzato da un transistor KTC1932-O (Q32, nello schema elettrico dell’apparato) che oscilla alla frequenza del quarzo X1 (10.240 MHz) e dà il riferimento al circuito PLL (IC1, un integrato LC7131 prodotto dalla Sanyo, cui spetta – anche – la gestione dell’LCD che visualizza il canale di ricetrasmissione in uso). Mediante il selettore rotativo di canale, posto sul frontale dell’apparato, tale integrato genera una frequenza per ciascuno dei 40 canali disponibili (per ogni canale, una frequenza in ricezione ed una – differente dalla prima – in trasmissione): questa viene inviata, assieme al segnale dell’oscillatore locale, al circuito VCO (IC3, un KIA7310P), il quale produce la somma di entrambe le frequenze e la porta all’ingresso del preamplificatore di trasmissione (Q10, un KTC380-Y), dopo del quale vengono, a cascata, il transistor pilota (Q11, un 2SC2314-F) ed il transistor finale (Q12, un 2SC2078). In modulazione d’ampiezza, Q11 e Q12 vengono alimentati con una tensione di collettore che varia al variare del segnale audio captato dal microfono (ed amplificato, successivamente, dai componenti a valle di esso, vale a dire Q19 ed IC5): la trasmissione in AM viene realizzata, partanto, con la tecnica della modulazione di collettore. In modulazione di frequenza, il segnale audio – mediante Q24, un KTA1015-Y - provoca la variazione della RF generata dall’oscillatore locale (non più 10,240 MHz, ma una o più altre frequenze), lasciandone immutata l’ampiezza (la tensione di collettore di Q11 e Q12 non cambia) ed innescando la cosiddetta deviazione di frequenza, proporzionale all’intensità del segnale audio medesimo. Il Texas, in FM, lavora con la modulazione a reattanza. Tra il transistor finale di potenza RF ed il connettore coassiale d’antenna si trovano un circuito passa basso a T (per la soppressione delle armoniche) ed i componenti necessari a pilotare lo strumento a lancetta per la lettura:
  • in TX, della potenza RF in uscita, del R.O.S. e per la calibrazione dello strumento stesso per utilizzarlo come ROSmetro incorporato;
  • in RX, dell’intensità del segnale ricevuto.
  • SPECIFICHE TECNICHE DEL TRASMETTITORE (dal manuale d’uso dell’apparato)
  • Potenza RF: 4W max. con tensione di alimentazione elettrica pari a 13.8Vdc
  • Tipo di emissione: 6A3
  • Soppressione di spurie ed armoniche: secondo le disposizioni di legge
  • Modulazione: AM, 90% max.
  • Deviazione max. (FM): ± 1.5 kHz

RICEVITORE

Foto 02
IZ8JFD.it - 1AT654: LAFAYETTE TEXAS
Foto 02 - L'altoparlante interno dell'apparato.
Il Texas utilizza un ricevitore di tipo supereterodina, a doppia conversione: il segnale RF proveniente dall’antenna viene amplificato da Q1 (un KTC1923-O) e viene convertito, per la prima volta, da Q3 (identico a Q1) utilizzando il segnale proveniente dal PLL (IC1): la prima media frequenza, pari a 10.695 MHz (la differenza tra il segnale in arrivo da Q1 e quello in arrivo dal PLL), attraversa il circuito NB (Q4, Q5, Q6) oppure giunge direttamente al filtro CF1, dal quale prosegue fino a Q5 (di nuovo, identico a Q1), che effettua la seconda conversione - usando il segnale prodotto dall’oscillatore locale, Q32 - e produce una nuova media frequenza (anch’essa, per differenza) pari a 455 kHz, che viene amplificata da Q8 e Q9 (rispettivamente, un KTC1815-O ed un KTC1815-Y).
Foto 04
IZ8JFD.it - 1AT654: LAFAYETTE TEXAS
Foto 04 - Il pannello posteriore del Texas e le connessioni esterne.
Tale seconda IF, in base al tipo di modulazione selezionato (AM o FM), viene demodulata, rispettivamente, da D4 (un diodo 1N60) o da IC4 (un circuito integrato KIA7130P). Il segnale ad audiofrequenza risultante viene preamplificato da Q19 (un KTC1815-Y) ed amplificato in potenza da IC5 (un integrato KIA7217P), giungendo all’altoparlante del Texas (o ad un altoparlante esterno) per la riproduzione.
  • SPECIFICHE TECNICHE DEL RICEVITORE (dal manuale d’uso dell’apparato)
  • Configurazione: a doppia conversione
  • Valore di media frequenza: 10.695 MHz; 455 kHz
  • Sensibilità: 1µV per 10dB S/D
  • Portata dello Squelch (silenziamento): 1mV
  • Selettività: 60dB a +10 kHz
  • Reiezione alle immagini: 44dB
  • Livello di uscita audio: 2.5W max. su 8Ω
  • Consumo: 250mA in attesa, minore di 1.5A a pieno volume